Fiere
11/15 marzo - pad. 3.0 stand C85
ISH 2019
Le nuove tendenze dell'arredobagno

Flaminia riconferma il proprio ruolo di ambasciatrice del design d’eccellenza made in Italy alla fiera internazionale ISH 2019, manifestazione biennale del bagno e del riscaldamento in scena a Francoforte dall’11 al 15 marzo. Nella sua storia recente, infatti, Flaminia ha contribuito in maniera significativa alla trasformazione del bagno, elevato ad ambiente di assoluto rilievo nell’esperienza dell’abitare.

Ancora una volta, Flaminia mette in mostra la complessità della propria offerta, grazie a una straordinaria vocazione per il progetto ed a consolidate collaborazioni con i più importanti designer contemporanei. Il brand diventa sinonimo di un lifestyle immediatamente riconoscibile e apprezzato in tutto il mondo che si racconta a ISH 2019 con volumi dalla forte componente geometrica. Lo spazio espositivo concepito da Giulio Cappellini, che da 15 anni è il direttore artistico del brand, invita a scoprire il mondo Flaminia da diverse prospettive: dall’esterno attraverso le grandi vetrine, dall’interno in un susseguirsi di atmosfere.

Dagli spazi di dimensioni importanti tipici della tradizione nobiliare settecentesca alle interpretazioni contemporanee che non rinunciano all’esperienza di benessere anche in caso di metrature ridotte, il tema della sala da bagno caratterizza tutta l’esposizione, rivelando le molte declinazioni di questo concept. La sobrietà minimalista del marmo bianco, riproposto con il materiale ceramico, avvolge i volumi in un effetto all over e si alterna a raffinati ambienti dall’animo contemporary vintage in verde tenue. In questo ritmo visivo si anima un racconto affascinate ed evocativo, fra collezioni iconiche e novità di prodotto.

In un continuo gioco di rimandi stilistici e soluzioni innovative, Flaminia espone la nuova collezione Madre disegnata da Angeletti e Ruzza, le cui forme reinterpretano il linguaggio pre-razionalista dell’architettura degli anni 30 e lo trasportano nella contemporaneità con linee e proporzioni decisamente attuali. Guarda all’epoca barocca, invece, il lavabo Settecento firmato da Giulio Cappellini: ispirato alle acquasantiere marmoree tipiche delle chiese dell’epoca, ne ripropone la generosa ampiezza della vasca e il decoro esterno a scanalature regolari.

Con una forte propensione al progetto, Flaminia sceglie la Pietraluce®, un composto altamente tecnologico capace di emulare il materiale ceramico sia dal punto di vista visivo che tattile, per produrre oggetti di grandi dimensioni. Come le tre nuove vasche da bagno App, dalle linee semplici e fluide, proposte in diverse finiture lucide e opache.

A Francoforte l’azienda dà spazio a moltissimi prodotti come i recenti lavabi NudaSlim e la consolle NudaFlat di Ludovica e Roberto Palomba che vengono presentati nelle nuove nuances. Non mancano le collezioni App, Pass, Nile, Bonola, Fontana, Saltodacqua, Miniwash, Waterdrop, Io 2.0 e Bloom e i best seller come Link, Spin e Monoroll sempre attuali anche grazie al colore, utilizzato da Flaminia già negli anni ’60.

Le tendenze contemporanee dell’abitare hanno spinto Flaminia a indagare la sfera delle coloriture mat che vengono prese in prestito dal mondo automobilistico e dalle suggestioni della moda per essere declinate su lavabi, vasi e bidet. L’ambiente bagno scopre un’inedita dimensione tattile che va ad aggiungersi a quella visiva, per offrire una vera esperienza sensoriale. Le nuove tonalità prediligono la tridimensionalità di colori come l’Argilla, il Rosso Rubens e il Petrolio.

Petrolio, è un colore profondo ed intenso, ideale per l’ambiente bagno, capace di trasportare la mente in lontani ambienti esotici. Una tinta flessibile che si abbina facilmente anche ad altri materiali naturali come il legno. Il Rosso Rubens è una tinta elegante e passionale, che si inserisce perfettamente sia in contesti moderni che in quelli dal sapore retrò. Dona alla stanza una personalità decisa e al tempo stesso un’atmosfera raffinata e sensuale. Argilla è un colore neutro, caldo e delicato ed estremamente versatile perfetto per ambientazioni raffinate. Questa nuance si sposa bene con molti colori, dal blu al bianco, dando vita a combinazioni stilistiche di grande eleganza.

I vasi proposti sono tutti dotati del sistema goclean®, che rivoluziona le operazioni di igiene domestica: l’eliminazione della brida, che permette di avere la parte interna del WC completamente a vista, e un flusso di risciacquo dell’acqua controllato garantiscono una maggiore praticità di utilizzo e il massimo risparmio idrico. Uno spazio centrale dello stand è dedicato anche al sistema Plus, un sistema di scarico pensato per i vasi back to wall e progettato appositamente per essere adattato ad impianti di scarico esistenti, ottimo quindi per le ristrutturazioni del bagno. Soluzioni tecniche all’avanguardia come queste, unite a una forte sensibilità stilistica, consentono a Flaminia di proporre i più alti standard di comfort.

ISH 2019 è anche l’occasione per raccontare i nuovi progetti di FLAMINIA LIGHTING, la divisione aziendale che si occupa di illuminazione. Accanto a Saltodacqua e Make-Up, vengono presentate le inedite luci da parete e da soffitto Lux, disegnate da Patrick Norguet. La ceramica viene plasmata per dar vita a raffinate lampade che rivelano ancora una volta l’abilità dell’azienda nel valorizzare le potenzialità di questo materiale e la qualità produttiva made in Italy.

Specchi, rubinetti, portasciugamani, accessori ed elementi d’arredo, come le nuovissime mensole in ceramica BrickSlim, sono tutti complementi firmati Flaminia per offrire una straordinaria esperienza di lifestyle che a Francoforte si scopre attraverso imponenti e monumentali portali in metallo, realizzati da LINVISIBILE.

Dimostrando un costante impegno nell’individuare soluzioni funzionali e riuscendo ad anticipare le tendenze dell’arredobagno, Flaminia continua a produrre esclusivamente in Italia grazie a una formula perfettamente riuscita che miscela la massima espressione del design, con nomi come quelli di Jasper Morrison, Nendo, Paola Navone, e la migliore qualità manifatturiera al mondo, quella italiana.