Fiere
25-29 settembre 2017 - Bologna
CERSAIE 2017
Il racconto di Flaminia sulle tendenze dell’arredo bagno

​Eccellenza manifatturiera, innovazione stilistica e ricerca tecnologica raccontano l’arte della ceramica interpretata da Flaminia, brand leader nel settore dell’arredobagno di design. Sotto la guida di Giulio Cappellini, la tradizione secolare dei laboratori artigiani Made in Italy e la sperimentazione dei più acclamati designer contemporanei, dà vita a collezioni d’avanguardia, per definire un nuovo approccio all’ambiente bagno che l’azienda presenta a Bologna, dal 25 al 29 settembre in occasione di Cersaie 2017.

Negli spazi espositivi bolognesi, Flaminia condivide con i visitatori la propria visione dell’abitare in cui l’ambiente bagno diventa protagonista del benessere contemporaneo: un concept espositivo completamente rinnovato invita a vivere un’esperienza multisensoriale, fatta di colori, forme, texture, dettagli e accostamenti inediti. Una grande area, che suggerisce l’idea astratta di un giardino, accoglie un sistema di sette box scandendo il percorso creativo firmato da Giulio Cappellini. Ogni scatola è un racconto che si anima solamente nell’attimo in cui se ne varca la soglia: all’interno, una selezione dei prodotti Flaminia svela nuove interpretazioni del vivere contemporaneo. Ogni ambiente è un capitolo della narrazione progettuale di Flaminia, per sottolineare la trasversalità dei prodotti dell’azienda.

Dettagli in ceramica, elementi lignei, tappezzerie e tinture caratterizzano i sette volumi espositivi, creando atmosfere uniche. Ogni spazio è ispirato a una località e ne rievoca il mood, a dimostrazione della capacità di Flaminia di rispondere, con un linguaggio stilistico sempre attuale, a ogni esigenza culturale contemporanea. Un’alternanza perfetta fra ambienti classici e luoghi dinamici, fra atmosfere soft e interpretazioni di design.

Condividendo i valori di eccellenza manifatturiera made in Italy, Flaminia ha scelto alcune collezioni di Lea Ceramiche per i rivestimenti e le pavimentazioni degli spazi in cui prendono vita i propri progetti. Le venature marmoree oppure la matericità della pietra palladiana della collezione Dreaming sono riproposte sulla ceramica grazie a sofisticate tecniche di stampa digitale; i geometrismi e le stilizzazioni floreali di Queens Mix della linea District si combinano fra loro in una tridimensionalità contemporanea.

Un paesaggio caleidoscopico che rivela le molte interpretazioni della ceramica firmate per Flaminia da designer internazionali del calibro di Jasper Morrison con la collezione Bonola, Nendo con Roll e Pinch, Patrick Norguet con il progetto Nile, Giulio Cappellini con Wash e Angeletti-Ruzza con le consolle Bloom.

Si rinnova inoltre la collaborazione con i designers Roberto e Ludovica Palomba, per ampliare la storica collezione Nuda. Prendono forma 4 nuovi lavabi denominati NudaSlim, nei quali l’eleganza e la sensualità delle forme restano inalterate, ma bordi sottili ed ingombri ridotti li rendono particolarmente attuali. Viene presentata anche la consolle NudaFlat, un oggetto raffinato e leggero dalla forma pura, nonostante le dimensioni importanti.

Presentata la nuova linea di arredi Box, progettata anche per piccoli ambienti dove lo spazio per riporre oggetti è fondamentale. La collezione è composta da vari elementi sospesi e componibili tra loro, disponibili in quattro diverse finiture legno.

Le collezioni Flaminia arredano lo spazio espositivo e rivelano un raffinato lavoro di sperimentazione, declinandosi sia nella ricerca formale che cromatica. Gli ambienti delle stanze da bagno sono completati con specchi, rubinetterie e accessori delle linee Simple, Si, Fold, One, Two, Nokè e Make-Up.

Oltre alle interpretazioni dell’esperienza di design, l’azienda affianca anche le soluzioni tecniche all’avanguardia proposte recentemente per garantire i più elevanti standard di confort. Il sistema goclean®, oggi applicato a molte delle collezioni di vasi (App, Link, Bonola, Nile, Pinch, Quick e Io 2.0), grazie alla sua eleganza, risulta essere una vera innovazione nell’ambito dell’igiene domestica. Un display funzionante permette di testarne il funzionamento e l’efficacia.

Sempre nell’ambito dell’innovazione è in mostra anche la tecnologia Plus System, la soluzione pensata da Flaminia per le ristrutturazioni, un sistema nato per semplificare la sostituzione di vecchi vasi riducendo al minimo gli interventi di demolizione. I wc con questa tecnologia possono essere infatti impiegati su impianti di scarico preesistenti compresi quelli nati per vasi sospesi. Plus System è oggi disponibile sui vasi Link, Efi e Quick back to wall.

Anche quest’anno Flaminia dimostra la propria vitalità, così al Cersaie, il brand presenta: Flaminia Lighting, la divisione specializzata nella progettazione e realizzazione di lampade in ceramica. In vetrina le lampade Make-Up disegnate da Paola Navone in tutte le declinazioni compresa l’inedita versione da terra, e le lampade Saltodacqua in varie finiture con la nuova ed originale piantana.